Sabrina

Sabrina

UN FIORE NEL PIAVE - Belluno 24/05/2015

24 Maggio 2015, 9:31 am

Il 24 maggio 2015 si è svolta a Belluno la commemorazione del primo conflitto mondiale.

A seguire le foto di M.Gattoronchieri e il video dello studio Professional Video.

 

  • belluno - 1
  • belluno - 10
  • belluno - 11
  • belluno - 12
  • belluno - 13
  • belluno - 14
  • belluno - 15
  • belluno - 16
  • belluno - 17
  • belluno - 18
  • belluno - 19
  • belluno - 2
  • belluno - 20
  • belluno - 21
  • belluno - 22
  • belluno - 23
  • belluno - 24
  • belluno - 25
  • belluno - 26
  • belluno - 27
  • belluno - 28
  • belluno - 29
  • belluno - 3
  • belluno - 30
  • belluno - 31
  • belluno - 32
  • belluno - 33
  • belluno - 34
  • belluno - 35
  • belluno - 36
  • belluno - 37
  • belluno - 4
  • belluno - 5
  • belluno - 6
  • belluno - 7
  • belluno - 8
  • belluno - 9

Simple Image Gallery Extended

 

Le case di soggiorno

11 Settembre 2015, 9:30 am

1) Villa Trieste (Sirmione)

"Villa Trieste" in Sirmione autentica "perla" nell'incantevole scenario del lago di Garda.

La Villa predetta costituisce, con le sue moderne 33 camere fornite di impianto televisivo, una delle pi valide realizzazioni del Sodalizio.

L'ottimale sua posizione consente a quanti vi soggiornano di godere di periodi di riposo veramente sereni che, ove necessario, possono divenire anche curativi, in specie per affezioni bronchiali, ginecologiche, otorinogene e della pelle, essendo possibile usufruire - a condizioni notevolmente vantaggiose - delle prestazioni ottenibili, quali soci dell'Associazione, presso le vicine locali Terme che rendono famosa nel mondo la città di Sirmione.

La Casa di Soggiorno "Villa Trieste" di Sirmione aperta dal 16 aprile al 30 ottobre di ciascun anno.
Ha una ricezione di 50 posti letto.

Indirizzo: Via XXV Aprile, 10 25019 SIRMIONE tel. 030 916059

2) Villa Etelinda (Bordighera) - Tel. 06/6833723

Sita in Bordighera (Imperia) si compone di due splendidi edifici, con annessi parchi, che non sono soltanto un pezzo di storia della cittadina ligure notoriamente conosciuta come autentica perla della Riviera dei fiori, poiché sono anche parte della storia d'Italia. Detto complesso immobiliare, comprendente la villa regale denominata "Castello" acquistata dalla Provincia di Imperia e dal Comune di Bordighera e l'adiacente Villa Etelinda, fu donato all'Associazione dal re d'Italia Vittorio Emanuele III nel 1928.

VILLA ETELINDA

Fu proprio in tale edificio che Margherita di Savoia soggiornando a Bordighera per permanenze temporanee della propria madre, la Duchessa di Genova, rimase affascinata dalla bellezza naturale dell'ambiente e dalla raffinatezza della costruzione che aveva ospitato la Principessa Elisabetta d'Inghilterra. Decise allora di acquistare Villa Etelinda, il cui vasto parco si distingueva per le colture floreali ed i numerosi alberi esotici ivi esistenti - formulando detta richiesta al proprietario lord Strathmore. Tale suo desiderio si realizzò il 1914 e nel marzo dello stesso anno ordinò l’avvio dei lavori per la costruzione della villa regale progettata quale sua dimora personale. L'Associazione negli ultimi anni ha reso Villa Etelinda più accogliente mediante l'esecuzione di complesse opere di ristrutturazione.

La Casa di soggiorno di Bordighera presenta una ricettività di 70 posti letto ed è di regola, aperta tutto l'anno, tranne il periodo che va dal 16 ottobre al 15 dicembre.

Attualmente è chiusa.

Congedo retribuito per l'assistenza ai portatori di handicap riflessi sul conteggio delle ferie

Con il parere UPPA n.21/08, il Dipartimento per la funzione pubblica ha espresso l'avviso che i periodi di congedo retribuito per l'assistenza ai portatori di handicap di cui all' art.42, comma 5, D.Lgs. n°151/2001 non sono computati per quanto riguarda le ferie e la tredicesima mensilità.

Questa diversa regolamentazione rispetto ai permessi brevi di cui all'art.33 della legge n.104/92 discenderebbe, ad avviso del Dipartimento, da una differente natura dei due istituti.

Pensione di guerra diretta

11 Settembre 2015, 9:15 am

Che cos'è e a chi spetta

Viene liquidata in favore di militari e civili che abbiano riportato, per causa di guerra, ferite o lesioni o che abbiano contratto infermità da cui sia derivata una definitiva perdita o menomazione della capacità lavorativa.
E’ un trattamento che costituisce un atto risarcitorio dello Stato nei confronti di coloro che hanno subito a causa della guerra un danno come sopra detto e si precisa che nella pensionistica di guerra non viene risarcito il danno biologico.
Sono previste otto categorie di pensione, d'importo economico differente a seconda della gravità della infermità pensionata, che sono descritte nelle tabelle A e B del D.P.R. 834/81, nelle tabelle E ed F della L. 656/86 e nella tabella F1 del D.P.R. 915/78.
Può accadere che il grado d’invalidità non sia contemplato da nessuna delle categorie esistenti, in questo caso viene concessa un’indennità una tantum.
Ai pensionati di 1ˆ categoria che hanno riportato menomazioni gravissime spettano anche l'assegno di super invalidità e l'indennità di assistenza e accompagnamento.

A chi si presenta la domanda

Con la nuova normativa, evidenziando che l’esame dei trattamenti diretti costituisce un numero molto limitato, gli interessati devono presentare la domanda alla Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze competente per territorio.
Coloro che già percepiscono la pensione possono presentare domanda di aggravamento, corredata da adeguata certificazione medica, alla commissione medica di verifica della Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze territorialmente competente.

Pagamento

Il pagamento della pensione di guerra diretta con scadenza mensile è effettuato dalla Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze competente in relazione alla residenza dell'interessato secondo le modalità di pagamento delle pensioni, ossia mediante apertura di spesa fissa ai sensi degli artt. 5 e 7 del D.P.R. 19.4.1986, n. 186 avente un numero d’iscrizione attribuito dalla Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze territorialmente competente.
L’importo dell’assegno è soggetto ad un’automatica rivalutazione annuale in misura pari al tasso d’inflazione accert ato per l’anno precedente.

Nuova procedura per le domande in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap (legge 104/92) e disabilità

A decorrere dal 1° gennaio 2010 è entrata in vigore una nuova regolamentazione per la presentazione delle domande in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità.

Le domande devono essere ora presentate all'INPS, complete della certificazione medica attestante la natura delle infermità invalidanti ed esclusivamente per via telematica.

L'invio telematico riguarda sia il certificato medico, che la domanda vera e propria, come illustrato nei due comunicati stampa diffusi dall'INPS e allegati alla presente.

La nuova procedura riguarda tutti i campi indicati all'oggetto e quindi anche le domande per l'indennità di accompagnamento e quelle per il riconoscimento della qualifica di portatore di handicap ai sensi della legge n. 104/92.

Per maggiori informazioni, è possibile consulatare il sito dell'INPS.

Nulla è mutato invece per ciò che concerne le domande in materia di pensioni di guerra, che continuano ad essere sottoposte alla previgente regolamentazione.

Pensione di guerra indiretta

11 Settembre 2015, 9:12 am

Che cos’è e a chi spetta

La pensione di guerra indiretta (tabella G) spetta al coniuge superstite, agli orfani: minori di anni 21, studenti universitari fino al 26° anno di età, maggiorenni inabili in disagiate condizioni economiche del militare o civile morto per causa di servizio di guerra o attinente alla Guerra, del titolare di pensione di guerra di 1^ categoria, del titolare di pensione di guerra dalla 2^ alla 8^ categoria morto per aggravamento o complicanza delle infermità che determinarono l'invalidità di guerra.
La decisione circa la sussistenza dell'interdipendenza della morte dalle infermità pensionate spetta alla commissione medica di verifica, territorialmente competente.
La pensione di reversibilità (tabella N) spetta al coniuge superstite, agli orfani: minori di anni 21, studenti universitari fino al 26° anno di età, maggiorenni inabili in disagiate condizioni economiche del titolare di pensione di guerra dalla 2^ alla 8^ categoria deceduto per cause diverse da quelle che hanno determinato l'attribuzione della pensione di guerra.

A chi si presenta la domanda

Gli aventi diritto devono presentare la domanda alla Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze competente per territorio entro 5 anni dalla data d’insorgenza del diritto. Trascorso tale periodo il diritto è prescritto.
Coloro che già percepiscono la pensione di categoria dalla 2^ all’8^ possono presentare domanda di reversibilità privilegiata (tabellaG) , corredata da adeguata certificazione medica, che dimostri l’interdipendenza della morte del pensionato con le infermità che determinarono l’invalidità di guerra, alla commissione medica di verifica della Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze territorialmente competente. Ai beneficiari di tabella G spetta anche un assegno di maggiorazione legato al reddito.

Pagamento

Il pagamento della pensione di guerra indiretta con scadenza mensile è effettuato dalla Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze competente in relazione alla residenza dell'interessato secondo le modalità di pagamento delle pensioni, ossia mediante apertura di spesa fissa ai sensi degli artt. 5 e 7 del D.P.R. 19.4.1986, n. 186 avente un numero d’iscrizione attribuito dalla Direzione Territoriale dell’Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze e delle Finanze territorialmente competente.
L’importo dell’assegno è soggetto ad un’automatica rivalutazione annuale in misura pari al tasso d’inflazione accertato per l’anno precedente.

Importi di pensione e assegni di guerra per il 2019

11 Settembre 2015, 9:09 am

Per l'anno 2019 l'indice di rivalutazione delle pensioni di guerra sarà pari allo 0,65% di cui all’art. 9 della Legge 3 giugno 1975, n. 160.
IL LIMITE DI REDDITO di cui all'art. 70 del D.P.R. n.915/1978 e successive modificazioni previsto per la concessione di alcuni tipi di pensioni o assegni per il 2019 è pari a 17.121,23 euro. Questa cifra si riferisce al reddito IRPEF 2018 lordo personale.


Di seguito riportiamo:

 

Materiale Associativo

11 Settembre 2015, 9:07 am

MATERIALE ASSOCIATIVO

DISTINTIVO precedente
Coniato in ottone dorato 24 kt. smaltato e levigato con scritte in rilievo e sistema di attacco a morsetto, confezionato in bustina PVC.
Costo - compresa la spesa di spedizione €uro 4,00(quattro/00).

DISTINTIVO del 2008
Coniato in ottone dorato 24 kt. smaltato e levigato con scritte in rilievo e sistema di attacco a morsetto, confezionato in bustina PVC.

Costo - compresa la spesa di spedizione €uro 5,00(cinque/00).

Foulard associativi
Costo - compresa la spesa di spedizione €uro 5,00 ( cinque/00).

Crest in legno
confezionati in scatole di cartoncino
Costo - compresa la spesa di spedizione €uro 35,00 ( trentacinque/00).

Libro “Onore ai Caduti”
nella ricorrenza del 90° Anniversario della Fondazione dell’Associazione - I° Edizione: luglio 2008
Costo - compresa la spesa di spedizione €uro 12,00(dodici/00).

LABARO
misure diametro cm 22x30 - rasato, bordatura con
frangia e cordoni oro, asta ottonata e
pomoli dorati - contenuti in custodie singole
di cellophane crystal
costo - comprensivo di spesa di spedizione
è di €uro 10,00 (dieci/00).

Il Presente

11 Settembre 2015, 9:00 am

Organo ufficiale di stampa dell'Associazione Nazionale Caduti e Dispersi in Guerra.

 

Organizzazione Territoriale

11 Settembre 2015, 8:57 am

COMITATO REGIONALE
In ogni regione è costituito un Comitato Regionale
di cui fanno parte i Presidenti dei Comitati Provinciali della Regione o loro delegati. (Art.62 dello Statuto)

COMITATO PROVINCIALE 
In ogni provincia è costituito un Comitato Provinciale con sede nel Capoluogo di ciascuna provincia. (Art.77)

SEZIONE
La Sezione è il nucleo organizzativo fondamentale dell’Associazione e, nei limiti dello Statuto, ne attua i fini svolgendo la sua attività a contatto con i soci, sovvenendo ai loro bisogni, nel quadro dell’esercizio della rappresentanza dell’intera categoria, tutelandoli nei loro diritti e indirizzandoli ai loro doveri.

In ogni Comune o Frazione può essere costituita una Sezione (Artt. 110 - 111)

FIDUCIARIATI
Nella propria circoscrizione le Sezioni possono nominare dei Fiduciari. I Fiduciari hanno il compito di mantenere il contatto con i soci e di attuare ai fini associativi, rendendosi interpreti delle esigenze dei soci stessi,trasmettendo loro le istruzioni e i provvedimenti del Comitato Provinciale o della Sezione da cui dipendono. ( Art. 137)